Risotto zafferano, code di scampi al profumo di limone

Prima di presentare questo buonissimo piatto volevo premettere che non sono un amante sfegatato della nouvelle cousine, porzioni macro ed esasperazione nell’utilizzo di ingredienti sconosciuti e a volte introvabili per i comuni mortali.

L’obiettivo di questo blog è quello di pubblicare e condividere con voi ricette ed obiettivi raggiungibili da tutti, a volte certamente con più impegno a volte meno, ma tutti, dal mio punto di vista, devono essere in grado di replicare e degustare le ricette che si trovano in rete.

Questa è una ricetta leggermente più elaborata, sicuramente non complessa, ma ricca di ingredienti e quindi di sapori.

Il pesce, come sapete, è la materia prima che, se di buona qualità, esalta i sapori di tutti i piatti e basta poco per gustare un risotto pieno di sapori, dall’acido dell’aceto balsamico, all’aroma dello zafferano.

La piccola variante che oggi vi propongo è però legata alla fonduta di parmigiano che vedete in foto, che però a mio avviso può e deve essere sostituito da un altro ingrediente che si sposa divinamente con i crostacei, il prezzemolo.

Basta chiacchiere, partiamo con la ricetta:

Ingredienti:

  • Scampi
  • Lische di pesce e teste di scampi per il brodo
  • riso carnaroli
  • Sedano, carota, cipolla, aglio
  • limone
  • prezzemolo
  • vino bianco secco
  • pinoli
  • zafferano in pistilli o polvere
  • aceto balsamico (opzionale)
  • qualche foglia di basilico per guarnire il piatto (opzionale)

Procedimento

Partiamo con la preparazione del brodo di pesce, mettiamo teste di scampi, sedano, carota, cipolla, pepe in grani, vino bianco, mezzo limone e lische di pesce in acqua fredda e lasciamo bollire per circa 20 minuti, filtriamo con cura ed abbiamo ottenuto il nostro brodo di pesce con cui cucinare il riso.

Passiamo alla marinatura degli scampi sgusciati e messi in una ciotola con oilio evo, vino bianco secco, sale (poco), il succo di mezzo limone e foglie di prezzemolo. Lasciare marinare per almeno 30/45 minuti.

Tritiamo finemente una cipolla ed una testa d’aglio e mettiamola in padella con una buona dose di olio evo, aggiungiamo il riso e facciamolo tostare bene, sfumiamo quindi con mezzo bicchiere di vino bianco secco.

Come sapete amo particolarmente il sapore di aglio nei primi di pesce, l’aglio, se non troppo invadente, dona un sapore unico in contrasto con la delicatezza del pesce o nel nostro caso dei crostacei.
Aggiungiamo il brodo di pesce fino al completamento della cottura del riso.
Nel frattempo sciogliere qualche pistillo di zafferano in mezzo bicchiere di brodo di pesce caldo e lo aggiungiamo al risotto in cottura.

Prepariamo un pesto di prezzemolo che, insieme all’aglio, all’olio evo, sale, pepe e pinoli, può essere frullato con il nostro frullatore ad immersione fino all’ottenimento di una crema omogenea e perfettamente verde.
Aggiungiamo gli scampi solamente un minuto prima del termine della cottura stessa altrimenti se stracotti diventeranno secchi e perderanno gran parte del loro sapore, aggiustiamo di sale, spegniamo il fuoco e mantechiamo con una noce di burro.
L’impiattamento viene realizzato con risotto, una lacrima di aceto balsamico/pesto di prezzemolo e code di scampi precedentemente marinati e scottati nell’ultimo minuto di cottura con il riso.

Non mi resta che augurarvi buon appetito.